Home Appennino Reggiano Toano: tradito dalla sigaretta fumata durante colpo, preso dai carabinieri grazie al...

Toano: tradito dalla sigaretta fumata durante colpo, preso dai carabinieri grazie al DNA


Ora in onda:
_______________



Toano: tradito dalla sigaretta fumata durante colpo, preso dai carabinieri grazie al DNAA distanza di 7 anni dal furto consumato ai danni di un caseificio di Toano, che ha visto i ladri rubare 120 forme di Parmigiano Reggiano per un controvalore di 50.000 euro, i Carabinieri della locale stazione, grazie alle indagini scientifiche di laboratorio eseguite dai RIS di Parma, sono riusciti a identificare uno dei responsabili del furto in un cittadino moldavo. Il profilo genotipico, sinora attributo a ignoto, ricavato dalla sigaretta fumata dal ladro durante il colpo e repertata dai carabinieri di Toano all’atto del sopralluogo, è stato infatti attributo al predetto moldavo, sottoposto a prelievo biologico per altra ipotesi di reato. Con l’accusa di concorso in furto aggravato, quindi, i Carabinieri di Toano hanno denunciato alla Procura reggiana un 40enne cittadino moldavo residente a Parma.

Il furto alla Latteria Sociale “La Collina” era avvenuto nel corso della notte del 19 luglio 2013. Ignoti malviventi avevano raggiunto il caseificio e, previa effrazione di un accesso, erano entrati nel magazzino asportando 120 forme di Parmigiano Reggiano per un valore di circo € 50.000,00.  Nel corso del sopralluogo effettuato nell’immediatezza, i carabinieri di Toano rinvenivano due arnesi da scasso (cosiddetti piedi di porco) e un mozzicone di sigaretta. Quanto rinvenuto era stato sottoposto a sequestro, in quanto non riconducibile al personale del caseificio. Attrezzi da scasso e mozzicone di sigarette opportunamente repertati sono stati inviati al RIS dei Carabinieri di Parma che ne hanno estrapolato il DNA, ricondotto, inizialmente, ad un individuo sconosciuto di sesso maschile. A distanza di 7 anni la svolta: la scorsa settimana infatti i Carabinieri del RIS di Parma informavano i colleghi di Toano che, nel corso degli accertamenti di natura biologica su campioni repertati da prelievo con tampone biologico di un soggetto moldavo indagato per altro reato, era stato estrapolato il DNA corrispondente al profilo genotipico di ignoto. L’estrapolazione dei dati biologici a carico del 40enne moldavo portava quindi all’univoca identificazione del responsabile del concorso in furto che quindi veniva denunciato alla Procura reggiana. Le indagini ora mirano ad accertare l’identità dei complici dell’indagato che i Carabinieri di Toano stanno cercando di individuare anche scandagliando la cerchia delle amicizie e frequentazioni del 40enne moldavo.