Home Bassa reggiana Clona carta per rimpinguare il suo conto corrente: denunciato dai Carabinieri

Clona carta per rimpinguare il suo conto corrente: denunciato dai Carabinieri

Si è rivelato asso dell’informatica e del crimine: operando da un’altra provincia è riuscito a decodificare le credenziali della carta di credito di una 47enne reggiana, rimpinguando il suo conto corrente per 650 euro. La vittima, grazie al servizio SMS fornitogli dal gestore dei servizi interbancari, si è però subito accorta dell’anomalo addebito e si è rivolta ai Carabinieri della stazione di Luzzara, che attraverso mirate indagini telematiche sono risaliti sia all’hacker, che operava nell’hinterland napoletano, che alla ricarica fraudolenta del suo conto corrente bancario. Per questi motivi con l’accusa di frode informatica e indebito utilizzo di carta di credito i Carabinieri della stazione di Luzzara hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia un 38enne disoccupato residente a Napoli.

E’ stata la stessa 47enne reggiana ad accorgersi dell’anomalo utilizzo della sua carta di credito grazie al servizio di SMS di allerta che la informava dell’addebito della somma di 650 euro utilizzata per ricaricare un conto corrente. Non avendo effettuato alcuna ricarica ed avendo in disponibilità la carta di credito che non aveva ceduto a nessuno, la donna si rivolgeva ai carabinieri di Luzzara denunciando la frode informatica. I militari, anche attraverso mirate indagini telematiche, risalivano all’odierno indagato nei cui confronti venivano acquisiti incontrovertibili elementi di responsabilità in ordine all’illecita transazione, che pare non essere stata l’unica visto che i militari di Luzzara hanno accertato ulteriori movimenti che avevano rimpinguato il suo conto per oltre 5.000 euro attraverso l’indebito utilizzo di altre carte di credito.