Home Ambiente Il Comune di Castelnovo Monti rientra nel Patto Parasociale Iren

Il Comune di Castelnovo Monti rientra nel Patto Parasociale Iren

(Enrico Bini ph Benito Vanicelli)

Il Comune di Castelnovo Monti ha deciso di rientrare nel Patto Parasociale Iren, dal quale era uscito nel 2018. La scelta è stata formalizzata in una recente seduta del Consiglio comunale. Spiega il Sindaco Enrico Bini: “Come avevamo spiegato nel 2018, avevamo scelto di uscire dal Patto Parasociale, e non da Iren nel suo complesso, per investire i proventi della vendita di una certa quota azionaria su interventi individuati come strategici dall’Amministrazione comunale. Resta comunque di proprietà del Comune di Castelnovo una quota pari a 257 mila azioni. La scelta che abbiamo ratificato è quella di rientrare nel Patto con tutto questo pacchetto azionario. Tra queste 257 mila azioni, 50 mila saranno bloccate mentre le restanti potranno essere vendibili all’occorrenza, visto che stiamo continuando a portare avanti importanti interventi di riqualificazione del capoluogo e delle frazioni, e in caso di necessità impellente avremo la possibilità di attingere a queste azioni”.

Prosegue Bini: “Credo che due anni fa ci fossero motivazioni oggettive per la scelta adottata allora, e che ci fossero dei cambiamenti da apportare nell’ambito della governance Iren. Fin da allora avevamo lasciato aperta la possibilità di un rientro, e riteniamo che oggi la situazione sia migliorata, e che sia importante quindi rientrare, anche se con una quota azionaria inferiore, da un lato perché si tratta di una realtà storica, in cui i Comuni del territorio hanno giocato un ruolo importante nello sviluppo e nell’evoluzione verso la multiutility di livello nazionale che è diventata; dall’altro perché Iren gestisce dei servizi fondamentali per i nostri cittadini e in questo modo avremo un canale di dialogo diretto. Il rientro ci consentirà di avere voce in capitolo sulle scelte che verranno adottate, come ad esempio miglioramenti sulla gestione dei rifiuti, e la tariffa puntuale, in base a quanti rifiuti vengono generati da ciascuna famiglia e realtà produttiva. Iren peraltro è alle soglie di nuovi, importanti investimenti che potranno rafforzare ulteriormente il gruppo, con un piano industriale fino al 2025 che prevede 3,7 miliardi di investimenti”.