Home Regione Tamponi Antigenici Rapidi su larga scala: ANISAP sigla il Protocollo d’Intesa con...

Tamponi Antigenici Rapidi su larga scala: ANISAP sigla il Protocollo d’Intesa con la Regione

Ora in onda:
_______________



Oggi pomeriggio (lunedì 30 novembre) è stato siglato il protocollo tanto atteso. ANISAP Emilia Romagna, sindacato dei poliambulatori privati accreditati, si prepara ad erogare il servizio di screening Covid-19 attraverso i Tamponi Antigenici Rapidi. Lo rende noto lo stesso sindacato. Una adesione al progetto che è stata fortemente voluta dalla Regione Emilia Romagna, in virtù delle prestazioni sanitarie di alta qualità che le strutture private forniscono e continueranno a fornire, alleggerendo le liste d’attesa.

Massimo Carpigiani, Presidente regionale ANISAP, commenta l’adesione al Protocollo: “E’ un atto dovuto, la nostra adesione. Il Covid può essere circoscritto solo con lo sforzo di tutte le strutture sanitarie a disposizione. La nostra attività di erogazione delle prestazioni sanitarie accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale è stata continua e ininterrotta dallo scorso maggio. Oggi, la possibilità di operare anche sulla prevenzione al virus su larga scala, ci conferma che la qualità con la quale operiamo non è passata inosservata.”

Sin dai primi giorni della richiesta di aderire al Protocollo, ANISAP Emilia Romagna si è prodigata in attività di informazione per le strutture associate che hanno i requisiti per poter effettuare i Tamponi. Le Aziende aderenti al Patto del Lavoro pertanto potranno mettersi direttamente in contatto con le strutture e richiedere lo screening dei propri dipendenti.

“A breve forniremo l’elenco complessivo di tutte le nostre strutture che saranno abilitate ad eseguire i Tamponi. La battaglia per il Covid è ancora lunga e contiamo di fornire un efficiente servizio per tutte le richieste che ci giungeranno. Lo screening aziendale garantirà maggior sicurezza ai dipendenti del comparto produttivo regionale e permetterà di non subire ulteriori battute d’arresto a causa di focolai. La prevenzione è la nostra migliore arma per poter sconfiggere il virus” conclude Carpigiani.