Home Reggio Emilia Martedì 17 novembre è la Giornata Mondiale della Prematurità

Martedì 17 novembre è la Giornata Mondiale della Prematurità

Foto di SeppH da Pixabay

Nel mondo 1 bambino ogni 10 nasce prematuro, vale a dire prima del termine; si tratta di soggetti più fragili che necessitano di cure specifiche e attrezzature cliniche complesse e appropriate. Il reparto di Terapia intensiva neonatale (Tin) del Santa Maria Nuova di Reggio Emilia accoglie ogni anno circa 350 bimbi prematuri. A loro è dedicata la Giornata Mondiale del Prematuro che si celebra in tutto il mondo il 17 novembre con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi che una nascita prematura comporta, informare sulle strategie di prevenzione e promuovere la ricerca scientifica sull’identificazione delle cause insieme a una cultura attenta al bambino e alle famiglie. Come recita il manifesto di quest’anno dedicato alla Giornata, “E’ indispensabile prenderci cura del nostro futuro e i neonati costituiscono proprio le fondamenta su cui edificare il futuro delle prossime generazioni”.

Dal 2002 la Struttura Complessa di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale (Tin) dell’Arcispedale diretta dal dottor Giancarlo Gargano, è l’unico Centro Neonatologico di II livello provinciale. Dotata di 18 culle ed elevate tecnologie, alla stregua dei maggiori centri nazionali, accoglie ogni anno circa centinaia di neonati patologici che necessitano di una assistenza intensiva o sub intensiva. I prematuri sono circa 350 e di questi circa 50-60 sono grandi pretermine ossia neonati con un peso alla nascita inferiore ai 1500 g. La giornata di domani 17 novembre prevede diverse iniziative che quest’anno non sono in presenza a causa della normativa anti COVID.

Si elencano di seguito:

 

“Vicini … a distanza”

-Dalle ore 11 alle ore 18

Fratellini e nonni dei piccoli neonati ricoverati potranno salutare i loro piccoli famigliari. Chi vorrà potrà farlo con una ninna nanna, un saluto, o una canzoncina da regalare ai piccoli ricoverati, in videochiamata insieme ai genitori.

 

Massaggio neonatale”

-Dalle ore 15 alle ore 17 un’esperienza rivolta ai genitori dei neonati ricoverati.

 

Progetto Pulcino Onlus

Il Progetto Pulcino Onlus condividerà tramite il sito web http://www.progettopulcino.org

e i canali social https://www.facebook.com/ProgettoPulcinoOnlus tutte le iniziative di sensibilizzazione rispetto al tema delle nascite pretermine.

 

M’illumino di viola

Il Comune di Reggio Emilia celebrerà la giornata colorando di viola, il colore della prematurità, i ponti di Calatrava e la fontana di Piazza Martiri del 7 Luglio.

 

Biblioteche

Le Biblioteche comunali parteciperanno al progetto promuovendo consigli di lettura online sul tema della nascita.

 

Videoracconti

Sul canale youtube dell’Azienda Usl IRCCS di Reggio Emilia www.youtube.com/user/AuslReggioEmilia si potranno vedere i videoracconti dedicati: “Cos’è un bambino” di Beatrice Alemagna. Video-racconto per i genitori dei nati pretermine, a cura delle infermiere del reparto di Neonatologia e “Prima di me. Storie sull’altalena della vita” di Monica Morini del Teatro dell’Orsa con musiche di Gaetano Nenna. Racconti, poesie, letture dai libri che ci aiutano a camminare verso ogni nuovo inizio.

 

Neonatologia e Terapia intensiva neonatale del Santa Maria Nuova

La Struttura Complessa di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale (Tin) del Santa Maria Nuova è centro di riferimento regionale e nazionale per diverse patologie (oftalmologia, cardiologia, neurologia neonatale, ventilazione meccanica, ecografie cerebrali, ipotermia selettiva, etc). Occupa la sede ai piani 0 e -1 del corpo C, con 1.000 metri quadrati di spazi distribuiti secondo il criterio dell’intensità crescente di cura (intensiva, sub intensiva) per assicurare un razionale isolamento dell’area di degenza dal transito di persone e materiali. Al piano -1 sono predisposti locali di supporto per lo svolgimento dell’attività clinica e ambienti per il soggiorno delle mamme dei neonati ricoverati. Ogni postazione semintensiva è allestita con tecnologie quali: pensile porta utenze, incubatrice neonatale, sistema di monitoraggio centralizzato, fototerapia, sistemi infusionali. Ciascuna delle 6 postazioni di terapia intensiva è dotata di ventilatore polmonare. Il valore complessivo delle apparecchiature biomediche del Reparto ammonta oggi a circa 2 milioni di euro.

 

Progetto Pulcino Onlus

Nasce nel 2008 a Reggio Emilia con l’obiettivo peculiare di raccogliere fondi per l’acquisto di apparecchiature e conferimento di borse di studio a favore della Struttura Complessa di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Santa Maria Nuova di Reggio Emilia (www.progettopulcino.org). Da allora ha accompagnato costantemente i progressi della Neonatologia reggiana svolgendo un importante ruolo di sostegno ai professionisti sanitari e ai genitori dei bimbi degenti.