Home Rubiera La Compagnia Il Crepuscolo con ‘La Gloria’ vince la terza edizione di...

La Compagnia Il Crepuscolo con ‘La Gloria’ vince la terza edizione di Forever Young

Il Crepuscolo “La Gloria” fotografia di Leo Merati

Giunge a conclusione la terza edizione di Forever Young, il progetto residenziale riservato alle giovani compagnie teatrali italiane, ideato e promosso da La Corte Ospitale di Rubiera, realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Il 7 e 8 ottobre La Corte Ospitale ha ospitato attori, autori e maestranze delle diverse compagnie, oltre alla commissione, ai giornalisti ed agli operatori teatrali provenienti da tutta Italia e al pubblico che partecipato.

Una due intensa ed animata che ha visto protagoniste le cinque compagnie finaliste (selezionate tra oltre 160 candidature pervenute) presentare in anteprima il proprio spettacolo: Compagnia Enchiridion, Compagnia CARLeALTRI, Compagnia Coppelia Theatre, Compagnia Il Crepuscolo, Compagnia Segreto/Pisano. Tutte le compagnie, nel corso dell’inverno, hanno avuto diritto a un periodo di residenza artistica presso gli spazi della Corte Ospitale (della durata di circa 20 giorni).

Vince la terza edizione di Forever Young La Compagnia Il Crepuscolo con La Gloria, a cui viene riconosciuto un premio di produzione pari a € 8.000,00. La Corte Ospitale accompagnerà la Compagnia nella distribuzione dello spettacolo vincitore per la stagione seguente.

Di seguito la motivazione della giuria:

“Dopo approfondita discussione, la giuria formata da Claudia Cannella (Hystrio), Giulia Guerra (La Corte Ospitale), Carlo Mangolini (Teatro Stabile del Veneto), Fabio Masi (Armunia), Gilberto Santini (AMAT), Fabio Biondi (L’Arboreto-Teatro Dimora, La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza Emilia-Romagna) e Giulia Delli Santi (Teatro Pubblico Pugliese) decreta che il vincitore della terza edizione di Forever Young è “La Gloria” di Fabrizio Sinisi, regia Mario Scandale, con Alessandro Bay Rossi, Dario Caccuri e Marina Occhionero.

A partire da un frammento della giovinezza di Hitler, il testo riesce a far risuonare una pluralità di temi storici ed esistenziali, anche di forte attualità: l’inquietante presagio storico, il conflitto frustrante tra realtà e aspirazioni personali, l’inganno e la menzogna.

A sostenerlo una lettura registica dalle linee nitide e consapevoli, fondata su una prova attoriale di grande efficacia, a partire da quella del protagonista.”

Quest’anno anche i ragazzi di Rubiera, che in parte hanno seguito durante l’anno le residenze delle compagnie e i processi creativi, sono stati protagonisti di Forever Young partecipando al laboratorio di Teatro e Critica, testata giornalistica online di informazione sul mondo del teatro con cui inauguriamo questa nuova collaborazione. Insieme, i giornalisti di Teatro e Critica e i ragazzi partecipanti al workshop, hanno raccontato la rassegna giorno per giorno attraverso recensioni, interviste, articoli vari pubblicati online.

A seguito di un accordo stretto con Associazione Hystrio, lo spettacolo vincitore sarà ospitato a Milano all’interno delle giornate dedicate al prestigioso Premio Hystrio nel 2021.