Home Reggio Emilia Unione Colline Matildiche: contributi “una tantum” per la rinegoziazione degli affitti. Bando...

Unione Colline Matildiche: contributi “una tantum” per la rinegoziazione degli affitti. Bando aperto fino al 31/10

C’è tempo fino al 31 ottobre alle ore 12 per presentare le domande di concessione di contributi “una tantum” destinati alla rinegoziazione dei cantoni di affitto a sostegno del mercato della locazione residenziale agevolata.

“Dopo i 45 contributi per un totale di oltre 60mila euro erogati dall’Unione Colline Matildiche sul Fondo affitto 2019 – ha dichiarato l’Assesore al Welfare di Vezzano sul Crostolo Giorgia Grimaldi – ecco un’ulteriore strumento di sostegno alle famiglie in situazioni di difficoltà, messo in campo a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”.

Il bando – che si può visionare e scaricare nella sua interezza dai siti dell’Unione e dei Comuni di Albinea, Quattro Castella e Vezzano sul Crostolo – è rivolto agli affittuari di alloggi situati nel territorio dell’Unione che abbiano in essere un contratto di affitto ad uso residenziale regolarmente registrato, abbiano la cittadinanza italiana o di uno Stato UE o di uno Stato non UE con permesso di soggiorno, e con un valore ISEE 2020 del nucleo familiare non superiore a € 35.000.

“L’Unione Colline Matidiche si è impegnata a dare massima visibilità a questa nuova opportunità di sostegno alle famiglie tramite molteplici canali – prosegue l’Assessore Grimaldi – anche alle associazioni e ai sindacati di categoria che operano nel settore ai quali è possibile rivolgersi per avere una consulenza e un aiuto più puntuali nella verifica e presentazione delle richieste di contributo”.

I contributi concessi agli affittuari richiedenti saranno erogati direttamente ai locatori degli alloggi che abbiano ridotto il canone di locazione di un contratto libero o concordato o transitorio, che abbiano trasformato un contratto di locazione libero o transitorio in un contratto concordato o che abbiano stipulato un nuovo contratto di locazione concordato per un alloggio precedentemente sfitto.

Le domande dovranno essere compilata esclusivamente sui moduli scaricabili dai siti web dell’Unione e dei tre Comuni e dovranno essere inviate tramite PEC o per raccomandata A/R.