Home Cronaca Scandiano: nella camera le dosi di coca, arrestato al risveglio

Scandiano: nella camera le dosi di coca, arrestato al risveglio

Scandiano: nella camera le dosi di coca, arrestato al risveglioSe fossi stato sveglio non vi avrei aperto la porta!” Questo ha riferito ai carabinieri di Scandiano  il 24enne scandianese  che alle prime ore di ieri mattina al risveglio si è ritrovato in camera i militari che erano andati a fargli “visita” e a cui aveva aperto la madre. Stava ancora a letto e quando si è ritrovato davanti i carabinieri di Scandiano non ha potuto disfarsi di ciò che deteneva illegalmente nella camera da letto: una quarantina di dosi di cocaina, alcune infiorescenze essiccate di marijuana, un pezzetto di hashish un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi di cocaina. Per questo motivo nella mattinata di ieri i carabinieri della Tenenza di Scandiano hanno arrestato un 24enne  abitante a Scandiano, ristretto al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana.

È accaduto ieri mattina poco dopo le 9.00 quando i carabinieri di Scandiano sono andati presso l’abitazione del giovane per dare corso a una perquisizione domiciliare. L’interessato stava ancora dormendo e così i carabinieri sono stati ricevuti dalla madre che li ha condotti nella camera del figlio. Si è svegliato sorpreso alla vista dei carabinieri e non ha potuto nascondere ciò che era posato sul comò: un involucro in plastica contenente 39 dosi di cocaina già confezionate e adagiate su un “letto” di riso funzionale al mantenimento di un buon livello di umidità. Nello stesso comò i militari hanno rinvenuto due infiorescenze essiccate di marijuana, un pezzetto di hashish un bilancino di precisione. Nel cassetto del comò i carabinieri rinvenivano ulteriori due infiorescenze essiccate di marijuana e materiale per il confezionamento. Appurato ciò e alla luce della flagranza di reato il 24enne veniva arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e ristretto a disposizione della Procura reggiana.