Home Cronaca Guidava il ciclomotore sequestrato di cui era custode, denunciato a Montecchio

Guidava il ciclomotore sequestrato di cui era custode, denunciato a Montecchio

Girava con il ciclomotore sprovvisto della copertura assicurativa e per questo alla fine dello scorso mese di marzo, dopo essere stato fermato e sanzionato con una maxi multa, gli era stato sequestrato venendogli affidato per la custodia, in linea alle vigenti disposizioni di legge, presso la sua abitazione di Montecchio Emilia dove risiede. Il custode però pare proprio non aver ottemperato agli obblighi impostigli dalla legge in quanto, come accertato dai carabinieri della locale stazione, il ciclomotore sebbene sequestrato è risultato essere stata nuovamente messa in strada peraltro senza copertura assicurativa.

Per questo motivo i carabinieri della stazione di Montecchio Emilia hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia un 60enne residente in paese, chiamato a rispondere dei reati di sottrazione di cose sottoposte a sequestro e violazione di sigilli.

A scoprire l’infedele custode, sono stati gli stessi carabinieri che, sottoponendo il 60enne ai dovuti controlli, hanno appurato che il ciclomotore da lui condotto, un’Aprilia SR, sebbene sequestrato era in uso all’uomo che lo conduceva con tutta tranquillità sino a giungere in via Guardanavona del comune di Cavriago dove è stato fermato dai carabinieri di Montecchio Emilia. Oltre a questo il ciclomotore risultava circolante senza la prevista copertura assicurativa che peraltro non poteva essere garantita trattandosi di un autoveicolo sottoposto a sequestro. Verificato che il 60enne utilizzava regolarmente il ciclomotore e che aveva violato i sigilli apposti con il sequestro amministrativo del marzo scorso lo stesso veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria competente. A carico dell’uomo i carabinieri contestavano anche una maxi multa per 868 euro in relazione alla circolazione del ciclomotore senza copertura assicurativa. Il ciclomotore ora non potrà più utilizzarlo in quanto, affidato a una carrozzeria autorizzata data l’inaffidabilità alla custodia del proprietario, verrà presto confiscato e demolito.