Home Reggio Emilia ‘Premio per la pace Giuseppe Dossetti’: prorogati i termini per le iscrizioni...

‘Premio per la pace Giuseppe Dossetti’: prorogati i termini per le iscrizioni al 10 aprile 2020

A seguito delle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-2019 e della conseguente sospensione delle attività didattiche delle scuole di ogni ordine e grado, è stato prorogato a venerdì 10 aprile 2020 il termine ultimo per iscriversi al “Premio per la pace Giuseppe Dossetti”, dedicato al padre costituente, giurista, politico poi sacerdote e monaco reggiano, promosso da Comune di Reggio Emilia, Comune di Cavriago, Provincia di Reggio Emilia e Regione Emilia-Romagna in collaborazione con la Fondazione Pietro Manodori. Il titolo del Premio è ‘Restiamo umani’: il Bando di partecipazione è disponibile sui siti istituzionali del Comune di Reggio Emilia, Provincia di Reggio Emilia e del Comune di Cavriago.

Giunto alla dodicesima edizione, il Premio intende far riflettere gli studenti sui temi della pace e della uguaglianza, partendo dagli articoli 3 e 11 della Costituzione della Repubblica italiana e coerentemente con i principi affermati da Giuseppe Dossetti nella sua vita.

Agli studenti delle scuole superiori della provincia di Reggio Emilia viene chiesto di elaborare un testo (saggio breve, lettera, articolo di giornale o testo di canzone) su questi temi.

Tutti i docenti possono partecipare con le loro classi, in particolare quelli di Lettere, Storia, Filosofia, Diritto, Religione. La partecipazione al bando è estesa anche a quegli istituti che ancora non abbiano comunicato la loro pre-adesione al bando.

Premi

La Giuria, presieduta da Pierluigi Castagnetti e composta da un rappresentante di ogni ente promotore, selezionerà i tre elaborati migliori tra quelli pervenuti con buoni spesa di importo pari a 1.000, 600 e 400 euro per l’acquisto di libri, cancelleria, materiale didattico, visite e laboratori didattici.

La premiazione avverrà a Reggio Emilia la prossima primavera.

Per partecipare al Premio per la pace è necessario inviare il modulo di partecipazione: bando e modulo sono scaricabili dal sito www.municipio.re.it/premiodossetti, dal sito www.comune.cavriago.re.it, dal sito www.provincia.re.it e dalla pagina Facebook: www.facebook.com/premio.dossetti .

Tutte le informazioni sono pubblicate anche nell’opuscolo “+D1 Reggio Emilia. Cultura per la scuola 2019/2020”.

Le candidature dovranno pervenire entro la scadenza del 14 marzo 2020 alla Segreteria del Premio per la pace “Giuseppe Dossetti” secondo le modalità indicate nel bando stesso.

Giuseppe Dossetti (1913-1996) giurista e politico, è stato fra i protagonisti nella stesura della Costituzione repubblicana; sacerdote e monaco partecipò alla elaborazione dei principali documenti del Concilio Vaticano II; uomo di pace, visse la Resistenza al nazi-fascismo in prima persona e si adoperò per la diffusione dei valori della solidarietà, della fratellanza, del rispetto della dignità di tutti gli uomini. Don Dossetti ha mantenuto un profondo legame con la sua terra d’origine, Reggio Emilia e Cavriago, dove ha vissuto durante l’infanzia e l’adolescenza, tanto da definire lo stesso Cavriago come la sua “università della vita”.

I PREMIATI DELLA SCORSA EDIZIONE – Nelle precedenti edizioni del premio hanno partecipato oltre un centinaio di classi provenienti da tutti gli istituti scolastici secondari di secondo grado del territorio provinciale.

L’undicesima edizione 2018/19 è stata vinta da Valentina Piro, V N liceo scientifico Aldo Moro di Reggio Emilia con il testo “Cara Italia”, docente referente Antonio Mammi. Secondo classificato il testo di Filippo, Riccardo, Fabio e Tommaso del liceo Rinaldo Corso di Correggio dal titolo “Caro signor Einstein, Lei a che razza appartiene?”, docente referente Carolina Campani. Terza classificata la studentessa Chiara Rota della V L dell’istituto “Scaruffi – Levi – Tricolore”, docente referente Paola Montanari. La premiazione è avvenuta nella sala del Tricolore alla presenza del dottor Pietro Bartòlo, medico di Lampedusa e di monsignor Luigi Bettazzi, vescovo emerito di Ivrea e già presidente di Pax Christi.