Home Reggio Emilia Reggio Emilia, l’assessore Tria: “E’ necessario che i beni confiscati alle mafie...

Reggio Emilia, l’assessore Tria: “E’ necessario che i beni confiscati alle mafie siano messi a disposizione del territorio”

“La Consulta per la legalità intende supportare e stare al fianco dei Comuni di Montecchio e Brescello nei progetti di riutilizzo di beni confiscati alla criminalità. È certamente per noi prioritario, anche simbolicamente, riappropriarsene, restituirli alla collettività e trasformarli in luoghi dedicati ad attività di interesse sociale e culturale delle comunità”. Così ha dichiarato l’assessore del Comune di Reggio alla Legalità Nicola Tria a margine dell’incontro tenutosi nei giorni scorsi dalla Consulta provinciale per la legalità per discutere del riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia presenti nel nostro territorio. “Questo vale per il patrimonio confiscato a Montecchio e Brescello – ha aggiunto Tria – così come per i beni che verranno eventualmente disponibili in altri Comuni e che, attraverso l’insediamento di nuove funzioni, possono rappresentare occasioni di riscatto e di contrasto della criminalità, perché è doveroso dare una ‘seconda vita’ a questi spazi e renderli simboli di una rinascita innanzitutto morale”.

Nella provincia di Reggio, a fronte della confisca definitiva di ingenti patrimoni criminali, per motivi legati alle tempistiche delle sentenze, nessun bene è ancora stato assegnato a un ente pubblico e di conseguenza destinato a finalità sociali. Per questo la Consulta, che ha come coordinatore istituzionale il Comune capoluogo, ha ribadito la volontà di farsi portavoce del proprio territorio, mettendosi a disposizione e al fianco delle istituzioni coinvolte, dagli enti pubblici fino all’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati, per poter supportare e sollecitare i provvedimenti di assegnazione e con questo dare un chiaro segnale, anche da un punto di vista politico, di lotta alla criminalità mafiosa attraverso la restituzione alla collettività di un bene confiscato.

All’incontro tenutosi martedì scorso, oltre a tutti i rappresentanti dei soggetti che partecipano alla Consulta, era presente anche Stefania Pellegrini, professore associato di Sociologia del diritto e del corso Mafie e antimafia all’Università di Bologna e membro del comitato scientifico della Consulta provinciale per la legalità, alla quale i rappresentati dei Comuni di Montecchio e Brescello hanno sottoposto quesiti tecnici rispetto a come attivarsi per entrare in possesso delle proprietà confiscate.

La Consulta provinciale per la legalità è nata nel giugno 2018 per costituire una sede permanente di confronto sui temi del contrasto alla criminalità organizzata e della promozione alla cultura della legalità. È articolata in tre tavoli tematici di cui uno è dedicato appunto ai beni confiscati alla mafie ed è coordinato da Manuel Masini di Libera Reggio Emilia. La Consulta è promossa da Comune e Provincia di Reggio Emilia, ne fanno parte le Unioni dei Comuni Bassa reggiana, Colline matildiche, Terre di mezzo, Tresinaro Secchia, Val d’Enza, Pianura reggiana e Unione montana dei Comuni dell’Appennino reggiano, Camera di Commercio di Reggio Emilia, le associazioni di categoria, i sindacati e il Forum del Terzo settore. Invitati permanenti sono le forze dell’ordine e gli enti/istituzioni del territorio impegnati sui temi dell’antimafia e della promozione della legalità.